Il cane di fuoco. Ventuno fiabe bio PDF

Chievoveronavalpo.it Il cane di fuoco. Ventuno fiabe bio Image

Siamo lieti di presentare il libro di Il cane di fuoco. Ventuno fiabe bio, scritto da Massimo Andrei. Scaricate il libro di Il cane di fuoco. Ventuno fiabe bio in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su chievoveronavalpo.it.

ISBN 9788899716479
DATA 2020
NOME DEL FILE Il cane di fuoco. Ventuno fiabe bio.pdf
DIMENSIONE 1,96 MB
AUTORE Massimo Andrei

DESCRIZIONE

Una raccolta di racconti che rievocano mondi fantastici, in cui le rose parlano, le cozze si confessano come antiche malafemmine, i carciofi protestano. Nel solco della vivezza dell'oralità di Giambattista Basile e in una interazione continua con il lettore, il protagonista, Nello, è impegnato in ventuno attraversamenti in tre distinte fasi della sua vita che lo vedono bambino, intento all'ascolto del mondo magico della fiaba nazionale; giovane artista, in viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e incontri con personaggi bizzarri e di ritorno in una Napoli chiacchierona e caotica, tra i racconti di cuntìsti e parlettère. In un tempo in cui la comunicazione virtuale estrema sembra annullare ogni disposizione all'ascolto, alla scoperta e al ritorno, Massimo Andrei invita il lettore a una narrazione bio utilizzando una scrittura caratterizzata dallo scambio intenso tra persone reali e finalmente libere.

Tutte le fiabe che parlano di fuoco - Ti racconto una fiaba

Una raccolta di racconti che rievocano mondi fantastici, in cui le rose parlano, le cozze si confessano come antiche malafemmine, i carciofi protestano. Nel solco della vivezza dell`oralità di Giambattista Basile e in una interazione continua con il lettore, il protagonista, Nello, è impegnato in ventuno attraversamenti in tre distinte fasi della sua vita che lo vedono bambino, intento all ...

LIBRI CORRELATI

Libri della collana Contemporanea - Libraccio.it

29-04-2020 Fiaba: L'acciarino - Andersen. Ùn-due, ùn-due! Un soldato veniva avanti marciando per la strada principale. Con lo zaino sulle spalle e la sciabola al fianco, perché era stato alla guerra, e adesso tornava a casa. Sulla strada s'imbatté in una vecchia strega: era davvero orribile, col labbro che le scendeva fino al petto!